Unione Osteopati Italiani
06.45213373

COMUNICATO U.O.I. 7/08/2015

La Tutela Quotidiana e la serenità degli Osteopati lavoratori autonomi e produttivi.

 

L’Unione Osteopati Italiani è un’organizzazione di categoria sindacale e nasce per la tutela dell’Osteopata, dello studente e dell’utente.

 Gli obiettivi dell’U.O.I. sono di dare la facoltà al professionista osteopata , che opera con la sua attività sul

territorio italiano,  la tutela necessaria per non essere vessato da un mancato riconoscimento del suo Status giuridico professionale.

La nostra legislazione non ha mai riconosciuto l’osteopatia e tantomeno la sua attività.

 Attualmente , dopo un lungo dibattito acceso delle vari organizzazioni di rappresentanza, purtroppo restiamo ancora senza una norma che dia la serenità a chi studia, a chi lavora e soprattutto a chi utilizza l’osteopatia ossia l’utente finale.

La nostra Mission non è quella di essere antagonisti nell’osteopatia e tanto meno del mercato osteopatico, ma una organizzazione che rappresenti il professionista Osteopata in Italia e in Europa nella sua professione quotidiana. 

Ad oggi i professionisti  ventennali, decennali, o da poco diplomati, ci pongono spesso delle domande ad esempio  come si devono tutelare verso il fisco, lo Stato, i Nas (abuso della professione sanitaria), Agenzia dell’Entrate, Previdenza, Regioni, Comuni, danni ai terzi, partite iva (proprio codice ATECO), assicurazioni, tutela legale ,  lo Status professionale e il riconoscimento  fino a chiedersi  come aprire uno studio per la propria attività mantenendo e rispettando i criteri di qualità.

Sono le Tutele Quotidiane il vero problema del professionista osteopata che dopo una formazione privatistica quinquennale e il conseguimento dell’attestato D.O. non sa quale sarà il suo futuro di Osteopata italiano , come dovrà iniziare la sua attività e in quale condizioni legislative dovrà affrontare un lavoro professionale che non sia dannoso alla stessa attività.

 La continua disinformazione sulla realtà osteopatica ha prodotto linee di pensiero distorte che non hanno portato concretezza nella realtà quotidiana, siamo ancora una categoria professionale messa nel limbo sia dalle istituzioni che non hanno mai preso una decisione concreta, sia dal mondo osteopatico che non vuole essere unito per motivi di mercato  e pregiudizi di appartenenza.

La concretezza del quotidiano professionale impone strategie nell’ agire e nel trovare soluzioni che diano reali possibilità all’osteopata associato di migliorare la sua condizione lavorativa professionale libera e autonoma. 

Difronte ad un mancato Status giuridico professionale  l’onestà intellettuale dei “professionisti associati” è primaria sia verso il professionista osteopata e sia verso l’utente.

Cosa abbiamo attualmente per tutelarci ?

L’attuale legge italiana la n°4/2013 ,che non è specifica verso l’osteopatia, può dare un aiuto alla nostra professionalità attraverso le organizzazioni dei “professionisti associativi” che attuano i criteri della legge per le professioni non ordinistiche (NOOC), e aprono il mercato delle nuove professioni.

Utilizzare quello che abbiamo, in attesa di un futuro riconoscimento in un’ area che può essere del benessere, CAM o sanitaria, lo si vedrà al momento delle reali decisioni di un volere politico ed economico verso gli osteopati, pertanto lavorare sulle libere professioni utilizzando normative italiane o europee, sono strategie valide e concrete per tutelare la serenità del professionista osteopata, e per chi si vuole formare in Osteopatia.

L’Europa insegna e ci guida attraverso i vari riconoscimenti della professionalità dell’osteopata, permettendo così ai professionisti di lavorare con competenza, qualità e serenità e  con varie forme di qualificazione similari alla legge n°4.

Ci attiveremo con le varie realtà europee per dare sempre più garanzie al professionista osteopata italiano per tutelarlo nella propria professione, attraverso l’utilizzo di normative europee compatibili con le nostre per una libera professione autonoma.

 

UNIONE OSTEOPATI ITALIANI

             Consiglio Direttivo

 

La Tutela Quotidiana Pdf